Comunità Militante dei Dodici Raggi

 

Nasce a Febbraio del 2012 a Varese, dall'unione di Ultras 7 Laghi e Varese Skinheads, due gruppi legati da una profonda Fratellanza.

Do.Ra. è una Comunità di destini, un’organizzazione politica apartitica e ANTISISTEMA che si occupa di formazione spirituale, propaganda ideologica, controinformazione culturale e ricerca storica.

La Comunità non cerca consensi, rifiutando il sistema democratico della rincorsa al voto, grande illusione-menzogna con la quale il potere fa credere al popolo di contare qualcosa.

Essa si batte nel suo piccolo, per la rinascita dell'ordine Naturale, ancorata senza nascondersi al Fascismo e al Nazionalsocialismo quali concezioni politiche che reggono i pilastri del mondo, scollegandosi dalle scorie della destra post-bellica.

La resistenza Ideale è il cuore pulsante della Comunità, i militanti sono il suo Sangue.

Ognuno con le proprie peculiarità contribuisce a formare il gruppo, insieme, tutti quanti i sodali, rappresentano l’avanguardia politica della Città, gli obbiettivi sono in divenire, i fini non saranno mai posti, i mezzi TUTTI.

Uniti come una mano che dal polso si ramifica fino alla punta delle dita e si trasforma in forza quando si chiude in pugno.

Do.Ra. vuole essere un’alternativa al sistema Mondialista basato sul Capitalismo che trasforma gli uomini in oggetti-consumatori senza più volto.

Costruire le basi per una resistenza culturale e sociale, dev’essere il primo passo del Militante.

Capire il concetto di Giustizia e farlo proprio, opporsi a tutto ciò che corrompe l’essere Umano per rifiutare di trasformarsi in “massa”.

Imparare ad "Essere Rivoluzione", essere spinta al miglioramento, concepire quel piccolo cambiamento che un Domani sarà la scintilla che farà divampare il fuoco sacro della Rivolta.

Fare la propria parte nella vita di tutti i giorni, coricarsi la notte con tante domande e mille dubbi. Svegliarsi con delle idee, ritagliarsi spazi di Azione nella routine quotidiana, coltivare il conflitto, essere dissidenti, dire di no. Disobbedire alla legge del denaro, servire le regole dell’onore.

Mettere la parte​ migliore di noi stessi al servizio delle giuste motivazioni, motrici dell’esistenza.

Il militante deve costruire il percorso che porterà al cambiamento della società.

Do.Ra. crede che il sistema possa essere diverso e a chi l'accusa di non poter cambiare nulla, risponde fermamente che è comunque il miglior modo di vivere.

Il militante pertanto raggiungerà la consapevolezza piena nei suoi mezzi e capirà fino in fondo il significato della Lotta in modo che un Domani non possa pentirsi delle scelte che ha fatto.

La Sede è il fulcro delle nostre attività, la nostra seconda casa, è in essa che vengono discusse le idee e che prendono forma per poi divenire azione nella vita “ là fuori”.

Si accetta la Gerarchia quale concetto fondamentale per il funzionamento della Struttura, SENZA TENTENNAMENTO, purché essa non divenga mai ‘gerarchismo’; i Capi sono Esempio per la Comunità​ ma il CONFRONTO rimane al centro di qualsiasi progetto.

I militanti devono comprendere il significato e l’importanza della cooperazione e del rispetto, accettando le diversità altrui come VALORE di crescita, dunque, non più soltanto Ultras, Skins e Camerati ma Fratelli in una nuova rinascita umana, spirituale e politica.

Lo stile di vita dei Dodici Raggi è la barricata che ci separa dal mondo degli uguali.

La Comunità è Resistenza ideale, cospirazione contro la menzogna e sabotaggio dell'ingiustizia, tutti devono essere pronti a difenderla senza risparmiarsi.

Potranno chiudere la nostra associazione con tutti gli abusi della democrazia, potranno chiudere i nostri corpi nelle patrie galere ma le nostre menti sono e resteranno libere perché chiudere un covo di Idee è impossibile.

 

Varese è una piccola città. A livello nazionale non rientra nemmeno nelle 100 più grandi.

Do.Ra. è, pertanto, una realtà numericamente modesta.

Quello che cerchiamo di rappresentare però, è qualcosa in cui crediamo fermamente.

Per ovvie ragioni, decisioni e regolamenti interni non saranno condivisi su questo canale, ma vogliamo provare a raccontarvi chi siamo, come abbiamo superato il concetto di gruppo a beneficio di quello di Comunità.

La Comunità è orgogliosa di annunciare ufficialmente l'ingresso di nostro Fratello Enrico Labanca, nel Consiglio Direttivo di Do.Ra.

Nuove battaglie ci aspettano insieme: benvenuto Guerriero Orobico, siamo fieri di te!

 "Hai un destino segnato tra le Stelle,

Coi colori della Guerra incisi sulla pelle!

Ogni passo è per sempre, ma se al fianco degli Eroi,

ti ritrovi nuovamente a lottare qui con Noi:

Quei momenti di tensione che hai vissuto intensamente,

Fanno parte di una vita, una vita da Ribelle!

E se un giorno finirà agli arresti o in fredde celle,

Mai niente ti scalfirà, lo hai tracciato tra le Stelle!"

Credo nell'Idea Assoluta che fu intangibile integra completa.

 

Credo nella Patria solcata dall'aratro costruita nella Giustizia e difesa dalla Spada.

 

Credo nella volontà, forza motrice dello Spirito.

 

Credo alla scuola del Sacrificio dove l'unica lezione è l'Esempio.

 

Credo nella Terra, bagnata dal sangue degli Eroi e dal sudore della fronte.

 

Credo nella cooperazione tra classi sociali.

 

Credo nell'importanza del soldato quanto in quella dell' artista, del lavoratore, dell'atleta, dell'impiegato. 

 

Credo nei miei Leaders, perché so che loro crederanno in me.

 

Credo nella Gerarchia e nel rifiuto del gerarchismo.

 

Credo alla difesa dei miei Fratelli certo che loro difenderanno me.

 

Credo alla disciplina, all'Ordine Sociale e alla rettitudine morale.

 

Credo nella pace ma sono pronto alla guerra.

 

Credo nel Lavoro, unico Istituto sociale che può dare o togliere dignità all'Uomo.

 

Credo ai nostri caduti e di dover spendere la mia vita per loro, onorando il sacrificio che hanno compiuto sull'Altare della Patria.

 

 

Credo nella responsabilità e nella consapevolezza.

 

Credo nel coraggio.

 

Credo nella correttezza e nella libertà.

 

Credo nel gruppo.

 

Credo in me stesso.

 

Credo alla lealtà.

 

Credo prima nell'Amore e poi nell'Odio.

 

Credo nel Rispetto, prima dato poi preteso.

 

Credo nel riscatto perché ognuno può cadere ma deve avere il diritto, il dovere e la forza di rialzarsi.

 

  

Credo alla COMUNITÀ MILITANTE DEI DODICI RAGGI

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Culturale Do.Ra www.comunitamilitantedeidodiciraggi.org